DMZ AGGIORNA N. 60 DEL 25 MARZO 2024

Nel DMZ Aggiorna di oggi cercheremo di fare chiarezza sulle disposizioni riguardanti il bonus bagni, il bonus ristrutturazione e il bonus mobili.

Suggeriamo a chi ha in progetto di ristrutturare il bagno, di farlo quest’anno perché potrà ancora  usufruire di varie soluzioni che permettono di risparmiare fino al 75% della spesa che si effettua.
Di seguito le informazioni necessarie per poter utilizzare il Bonus Bagni 2024.

Cos’è il bonus bagni 2024: Il Bonus per la ristrutturazione del bagno è un’agevolazione fiscale che permette di risparmiare fino al 75% della spesa di ristrutturazione pagando, quindi, solo il 25% del preventivo. Per ottenere questo tipo di agevolazione i lavori devono riguardare l’abbattimento delle barriere architettoniche, per rendere i bagni accessibili a tutti. Non è necessario che nel nucleo familiare vi siano persone con disabilità per usufruire di questo beneficio.

Quali sono i requisiti per il bonus del 75%: Uno dei requisiti fondamentali è l’abbattimento delle barriere architettoniche che si traduce in una serie di interventi specifici come: l’installazione di ascensori o montascale per raggiungere il bagno, l’allargamento delle porte per agevolare il passaggio di sedie a rotelle e l’adozione di apparecchi sanitari specifici per le persone con disabilità motoria, ad esempio, installare un WC più alto, con seduta da 45 a 50 cm e un lavabo più basso, con il piano superiore a 80 cm dal pavimento.

Il bonus può coprire anche i costi per i nuovi pavimenti ed eventuali ulteriori miglioramenti dei bagni.
Il bonus può essere richiesto sia da persone fisiche che da aziende. Gli altri requisiti per accedere al bonus sono i seguenti:

  • l’edificio oggetto della ristrutturazione deve essere completato (non in fase di costruzione);
  • nel bagno devono essere presenti barriere architettoniche da rimuovere (ma ricordiamo, non è necessario un disabile nel nucleo famigliare).

Fino a quando posso svolgere i lavori di ristrutturazione per ottenere il bonus: La detrazione d’imposta è valida per le spese sostenute fino al 31 dicembre 2025, ed è applicabile agli edifici già esistenti.
Quali sono le modalità di recupero dello scontoQuesto bonus può essere fruito anche come sconto in fattura. Ad esempio, se il preventivo di spesa per la ristrutturazione del bagno ammonta a 20.000 euro, il cliente può pagare inizialmente 5.000 euro e decidere di usufruire dello sconto in fattura per i restanti 15.000 euro, che verranno successivamente ceduti come credito d’imposta dall’azienda stessa.

Altri bonus per ristrutturare il bagno con sconti fino al 50%: Il Bonus Bagni 2024 può essere richiesto anche tramite il Bonus Ristrutturazione che offre una detrazione fiscale del 50% sulla ristrutturazione in generale compresa quella del bagno, e ha dei requisiti da rispettare molto meno specifici. Per richiedere questo bonus sono ammesse spese fino ad un massimo di 96.000 euro che possono includere sia i costi della manodopera che i costi per i materiali.
Vi suggeriamo in caso di ristrutturazione del bagno di provare a beneficiare anche del Bonus Mobili, che offre una detrazione fiscale del 50%, fino a un massimo di 5.000 euro per tutto il 2024. Questa agevolazione consente di portare in detrazione non solo i costi relativi all’arredo del bagno, ma anche quelli relativi al trasporto e al montaggio.

Per ottenere questo tipo di agevolazione bisogna munirsi della documentazione necessaria da presentare nella dichiarazione dei redditi:

  • permessi per la ristrutturazione e CILA (Comunicazione di Inizio Lavori);
  • copie dei bonifici bancari;
  • dati relativi alla spesa e al tipo di intervento.

Attenzione, per ottenere le detrazioni fiscali, i documenti elencati sono indispensabili; quindi, prima di iniziare i lavori informatevi e munitevi di tali documenti, altrimenti rischiate di aver sostenuto delle spese per lavori che non sarete in grado di pagare.

Lo Studio resta a completa disposizione

Contatti

DMZ Expertise Hub

Via Garibaldi 45 - 10122 Torino | Mappa

+39.011 561 39 77

SCRIVICI SU WHATSAPP

Le nostre parole chiave
Dinamici
Propositivi
Chiari
I nostri numeri
600
Clienti
20
Professionisti
85mln.
Fatturato clienti

I nostri clienti

quote
Ferramenta Garione srl
Imprenditore
Sono un cliente dello Studio DMZ da tre anni e mi ritengo più che ampiamente soddisfatto. È uno studio interdisciplinare diretto dalla Dott.ssa Morone persona per me speciale: altamente competente...
quote
Gabriella Massimetti
Libera professionista
Io sono Gabriella Massimetti, sono una libera professionista. Mi occupo di consulenza ad individui e ad aziende e mi occupo di formazione, consulenza,  sviluppo delle competenze e di formazione in vari...
quote
Glam Lab srl
Agenzia di comunicazione
Da circa un anno abbiamo intrapreso la collaborazione con lo studio DMZ. Abbiamo deciso di affidarci alla loro consulenza dopo numerosi colloqui con altri professionisti, ci ha colpito per prima...
quote
Michele De Capitani
Imprenditore
Salve sono Michele De Capitani, imprenditore e titolare di Web Leaders, agenzia di digital marketing specializzata nel posizionamento sui motori di ricerca e generare contatti qualificati a tutti i...